$990
Circuito di 8 giorni in Terra Santa
Data di partenzaDicembre 28
Prossimo tour

L’ascensione del monte Ararat in Armenia Occidentale- circuito di 9 giorni

Mappa dell’itinerario
Prezzo del circuito: 1780 USD Durata del circuito: 9 Giorni Distanza del circuito: 2000 km ( 1243 miles ) Tipo di circuito: Monte Ararat

Numero minimo di persone -7-10.

Giorno 1

Partenza da Yerevan. Soste a: Javakhk e Kars. Arrivo a Bayazet, sistemazione in hotel. Messa a punto delle modalità ed indicazioni sull’ascensione sulla vetta di Ararat con la parte turca.
Pernottamento presso l’ hotel Boutique Ertur.

  • un panorama sulla città
  • La chiesa dei Santi Apostoli
  • Kars
  • la fortezza di Bayazet
Giorno 2

Dopo la prima colazione, distribuzione delle attrezzature tecniche ed informazioni sull’ascensione. Dopo, i partecipanti, insieme con gli accompagnatori si dirigono in minibus al vilaggio di Elli a 2000 m di altitudine.
Le attrezzature sono caricate su cavalli e muli e iniziamo a salire fino a 3200m.  Arrivati al campo, le tende sono montate e cominciano i preparativi per il pasto. Si dorme nelle tende e si ci adatta ai cambiamenti climatici.

Giorno 3

Dopo la prima colazione, continuiamo la salita fino al campo situato a 4200 m. Il sentiero è stretto e roccioso, ci vogliono 3 ore per arrivarci. Per montare le tende i luoghi vengono puliti. Dopo il pasto, consultazioni con l'accompagnatore ed il medico. Di questo posto si apre una magnifica vista. Si può vedere non solo l'Iran, Bayazet e il piccolo Ararat ma anche la grande vetta.
Come il giorno successivo abbiamo un viaggio difficile, dormiamo dopo il pasto. Visto che la temperatura è bassa, l'abbigliamento deve essere selezionato secondo  queste condizioni climatiche. E 'quindi è freddo e difficile di dormire a questa altitudine.

Giorno 4

Oggi è un giorno importante, il giorno in cui si raggiunge la cima. Fino al sorgere del sole, a volte alle ore 03:00 di mattina, alle 2:00, anche alle ore 01:30,  secondo le condizioni meteorologiche, dopo i preparativi e discussioni, è il momento di raggiungere la vetta. Bisogna camminare con calma e lentamente. Se il sole esce durante la salita, avremo una vista meravigliosa. Sotto i nostri piedi, vedremo l'ombra di Ararat che copre la pianura. I ghiacciai iniziano a 4800m. Qui, alla stazione impostata dalla guida, mettendo le scarpe necessarie, attacando le cinture di sicurezza, uno per uno iniziamo a salire in fila indiana. Poco dopo, trovandosi a prossimità della cima, viviamo una grande emozione.
Siamo in sommità della montagna relativa più alta del mondo, a 5165m. Montagna, sulla quale si è fermata l'Arca di Noè dopo il Diluvio Universale, mettendo  l'inizio a una nuova tappa nella storia dell'umanità e nuova civiltà, fondata dal patriarca Noè. Se il cielo non è nuvoloso, si può vedere tutta la valle di Ararat, Yerevan, le montagne del Caucaso, Elbrus e l'Iran.
Di solito, ci sono forti venti a picco e non si può stare lì a lungo. Per lo stesso percorso scendiamo fino alla stazione a 4200 m, passando per altopiani e ghiacciai. Come è difficile di dormire in altitudine di  4200 m, proseguiamo la discesa per circa 8 ore fino al campo a 3200 m, anche se è un po 'difficile. Dopo pranzo, è il momento di riposarsi e di condividere le impressioni.
Notte nelle tende.

Giorno 5

Dopo la prima colazione, le attrezzature vengono caricate su cavalli e muli e circa a 5 ore di cammino si raggiunge il villaggio di  Elli a 2000 m di altitudine, dopo di che un'ora di camion per raggiungere l'hotel.
Dopo la doccia e il riposo, una festa è organizzata in occasione della salita sull’Ararat. Il resto della giornata visitiamo Bayazet (fortezza di Bayazet, palazzo di Ishak Pasha, degustazione di barbecue).
Pernottamento presso l’ hotel Boutique Ertur.

  • Мonte Ararat
  • fortezza di Bayazet
  • Bayazet
  • palazzo di Ishak Pasha
Giorno 6

Dopo la prima colazione, proseguiamo per uno dei posti più paradisiaci dell’Armenia Occidentale, la prima capitale armena, Van, facendo le soste alla cascata di Berkri. Arrivo a Van in serata. La prima visita è la fortezza di Van, costruita all’epoca  urartea, dove si trovano i mausolei di Argishti, di Menua, di Russa. Saliamo a piedi in fortezza, visitiamo la Porta di Mher che rimane sempre chiusa finché la giustizia e l'onestà regnano nel paese.
Sistemazione all’hotel Urartu 4* / Elite World Van 5*, cena al ristorante dell'hotel dove sono serviti vari piatti deliziosi.

  • la cascata di Berkri
Giorno 7

Dopo la prima colazione, partenza per Varagavank, il luogo spirituale più notevole della regione di Vaspurakan (fondato alla fine del 10 °secolo). Sulla strada per l'isola di Akhtamar, facciamo circa 40 km lungo le rive del lago di Van. Non si può fare a meno di ammirare la bellezza delle acque azzurre del lago che si presenta come una perla nel cuore dell’Armenia Occidentale. 15 minuti di barca per raggiungere l'isola di Akhtamar. Avvicinandosi all'isola, siamo accolti dalla chiesa di Santa -Croce- testimone silenziosa della ricchezza e gloria  della famiglia Artsruni. Costruita dall’architetto Manvel tra 915 e 921. Pranzo al ristorante "Akhtamar" sulle sponde del lago, l’unico posto dove è servito il famoso tarekh di Van. Riposo, nuoto, approfittiamo del lago di Van circa 4 ore. Ritorno all’ hotel Urartu 4*/ Elite World Van 5*, cena, riposo.

  • Varagavank
  • Il lago di Van
  • l"isola di Akhtamar
  • la chiesa di Santa Croce
Giorno 8

Partenza per Kars. Arrivati a Kars. Nel 928, Kars diventa la 10° capitale dell'Armenia. Dopo il pranzo al ristorante "Ojakh Bashi", dove i pasti sono molto gustosi, iniziamo il giro della città. La chiesa dei Santi Apostoli costruita durante il regno del re armeno Abas Bagratuni /928-953/, è una bellissima struttura a cupola centrale, ancora in piedi, ma trasformata in moschea. Chi desidera può salire fino alla fortezza da dove si apre un magnifico panorama  sulla città. Camminiamo sul ponte di San Vardan, vediamo le case a due piani ben conservate, costruite in pietra nera, le rovine della  casa paterna di Charents.
Pernottamento presso l’ hotel Grand Ani (4 *)

  • un panorama sulla città
  • La chiesa dei Santi Apostoli
  • fortezza di Kars
  • fortezza di Kars
Giorno 9

Al mattino, ci dirigeremo ad Ani, la 11° capitale dell'Armenia.  Nel 961, la capitale fu trasferita da Kars ad Ani. Ani viene chiamata "Città delle 1001 chiese": la Madre Cattedrale /989-1001/, la chiesa di Santissimo Redentore /1035/, Tigran Honents, Gagkachen / 1001-1020 /, San Gregorio Abughamrents, i ruderi  degli altri edifici. Ani rattrista tutti.
Partenza per la frontiera. Dopo il passaggio della frontiera, avremo la cena d'addio al  ristorante  “Romantika”  a Akhaltsikhe, dove  le persone  felici e presi d’amicizia, in un contesto caloroso,  passano dei momenti piacevoli.
Arrivo a Yerevan.

  • La Madre Cattedrale
  • La chiesa di Santissimo Redentore
  • La chiesa di Honents
  • Gagkachen
  • San Gregorio Abughamrents

Ulteriori informazioni

Vi saremo grati se condividete quasto articolo:
Condividi suTwitter Condividi su Facebook Condividi su Vkontakte
Iscriviti alla newsletter:
Anitour vi invita a:
Trovaci su Twitter Trovaci su Facebook Trovaci su Vkontakte Trovaci su Youtube Flickr Blog Rss


Tour to Western Armenia
Tour to Western Armenia
Tour to Western Armenia
Il sito è progettato da: www.galsit.com
Inizio pagina